FREQUENZA DELLE COMPRESSIONI TORACICHE - dalle linee guida AHA Guidelines - Highlights-Italian 2010 alle 2015

Consigli, Aziende

(2015 AHA): negli adulti vittime di arresto cardiaco, è ragionevole che i soccorritori eseguano le compressioni toraciche con una frequenza da 100 a 120/min.

(2010 AHA): è ragionevole che i soccorritori non professionisti e gli operatori sanitari eseguano le compressioni toraciche con una frequenza di almeno 100 compressioni al minuto.

(MOTIVAZIONE): il numero di compressioni toraciche al minuto durante la RCP è un fattore determinante per il ripristino della circolazione spontanea (ROSC) e la sopravvivenza con buone funzioni neurologiche. Il numero effettivo di compressioni toraciche al minuto viene determinato dalla frequenza delle compressioni toraciche e dal numero e dalla durata delle interruzioni nella compressione (ad es.per prire le vie aeree, per la respirazione di soccorso o per l'analisi del DAE/AED). Nella maggior parte degli studi, un numero superiore di compressioni è associato a un maggiore tasso di sopravvivenza. Se il numero di compressioni si riduce, diminuisce il tasso di sopravvivenza. Per una corretta esecuzione delle compressioni toraciche è necessario prestare attenzione non solo ad una adeguata frequenza, ma anche a ridurre al minimo le interruzioni in questo elemento critico della RCP. Una frequenza inadeguata delle compressioni o interruzioni frequenti (o entrambe) riducono il numero totale di compressioni al minuto. L'aggiornamento delle linee guida 2015 contiene limiti superiori per la frequenza di compressione raccomandata e la profondità di compressione in base ai dati preliminari che suggeriscono che la frequenza eccessiva delle compressioni e la profondità influiscono in modo negativo sugli esiti. L'aggiunta di un limite superiore per la frequenza delle compressioni si basa sul'analisi di un ampio studio di registro che associa frequenze di compressione estremamente rapide (superiori a 140/min9 a una profondità di compressione inadeguata.

IL NUMERO DI COMPRESSIONI ESEGUITE E' INFLUENZATO DALLA FREQUENZA DELLE COMPRESSIONI E DALLE INTERRUZIONI.

il numero totale di compressioni eseguite durante le rianimazione è un fattore determinante per la sopravvivenza dopo un arresto cardiaco.

  • Il numero delle compressioni eseguite è influenzato dalla frequenza delle compressioni (la frequenza delle compressioni toraciche al minuto) e dalla frazione delle compressioni (la porzione del tempo totale della RCP durante il quale si eseguono le compressioni). Con l'incremento della frazione e della frequenza delle compressioni aumenta il numero totale di compressioni eseguite. La frazione delle compressioni migliora riducendo il numero e la durata delle interruzioni delle compressioni.
  • A titolo esplicativo, si può osservare un'analogia con i viaggi ina utomobile. Quando si viagga in automobile, il numero di chilometri percorsi in un giorno non dipende solo dalla velocità di guida, ma anche dal numero e dalla durata delle fermate. Viaggiando a 120Km/h con una fermata di 10 minuti, in quell'ora si copre di fatto una distanza di 100 chilometri. Quanto più frequenti e prolungate saranono le fermate, minori saranno i chilometri realmente percorsi.
  • Durante la RCP, i soccorritori devono eseguire compressioni efficaci a una profondità e frequenza appropriate (100-120/min) riducendo al minimo il numero e la durata delle interruzioni nelle compressioni toraciche. Inoltre, per una RCP di alta qualità, è necessario consentire la riespansione toracica completa dopo ongi compressione e occorre evitare una ventilazione eccessiva. 

Potrebbero interessarti anche ...

La nostra formazione sempre con te

Riceverai le nostre offerte esclusive, le ultime notizie e gli aggiornamenti sui nostri corsi.

Sei un'azienda?

Ottieni l'accesso per te ed il tuo team ai nostri corsi migliori.