Consigli

Stimolazione del nervo frenico per la protezione del diaframma, del polmone e del cervello durante la ventilazione meccanica

Progettare nuove strategie di ventilazione basate sulla meccanica respiratoria per gestire i pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto! Considera la limitazione delle vie respiratorie ma anche della pressione di guida polmonare durante la ventilazione meccanica, poiché queste possono essere equivalenti predittori del risultato, e mantenendo pressioni traspulmonari finali positive nei pazienti obesi.

>   LEGGI
Consigli

Glasgow Coma Scale

La Glasgow Coma Scale è una scala di valutazione neurologica utilizzata da personale medico e infermieristico per tenere traccia dell'evoluzione clinica dello stato del paziente in coma. Inizialmente utilizzata per valutare il livello di coscienza dopo un trauma cranico, successivamente la destinazione d’uso stata estesa a tutti i pazienti “acuti”, sia con patologie di natura neurologica sia traumatica. Negli ospedali spesso risulta utilizzata anche nel monitoraggio dei pazienti in terapia intensiva.

>   LEGGI
Consigli

Smarthpone e possibile rischio per pacemaker e defibrillatori, al via uno studio Iss

Troppa tecnologia può far male. Lo ribadisce uno studio americano che rivela l’interferenza dello smartphone con il pacemaker. La ricerca ha di fatto indagato sui legami tra la calamita presente nell’iPhone 12 Pro Max e il malfunzionamento di eventuali defibrillatori e pacemaker. Dai risultati si evince che il magnete per la ricarica wireless potrebbe disattivare i defibrillatori impiantabili. Per questo motivo si sconsiglia, per chi ha subito l’impianto di uno di questi apparecchi, di avvicinare il cellulare al petto o meglio inserirlo nel taschino della giacca o della camicia.

>   LEGGI
Consigli

Ipossiemia "silenziosa" da nuovo Coronavirus

Soprannominata "felice ipossia", l'ipossiemia silenziosa di COVID-19 ha causato costernazione anche tra i medici esperti. Rich Levitan, in un editoriale del New York Times, ha spiegato che i pazienti in questione presentavano una severa ipossia, "apparentemente incompatibile con la vita - ma in quel momento stavano usando il cellulare..." Gli autori offrono alcune possibili spiegazioni per questo fenomeno.

>   LEGGI

La nostra formazione sempre con te

Riceverai le nostre offerte esclusive, le ultime notizie e gli aggiornamenti sui nostri corsi.

Devi o vuoi acquistare un defibrillatore?

Contattaci per una consulenza gratuita. Ti aiuteremo a capire come fare la scelta giusta!

Sei un'azienda?

Ottieni l'accesso per te ed il tuo team ai nostri corsi migliori.