ACCESSO INTRAOSSEO in emergenza-urgenza con FAD 50 ECM

Seleziona l'edizione di tuo interesse

Cosa Imparerò?

  • Riconoscere i siti di inserzione con reperimento mediante reperi anatomici
  • Riconoscere la differenza tra dispositivi manuali, semi-automatici ed automatici
  • Indicazioni d'uso dell'accesso intraosseo
  • Inserire correttamente un accesso intraosseo

Requisiti

  • Professionista Sanitario

Descrizione

Uno dei punti chiave nella gestione del paziente critico è il reperimento di un accesso venoso per la somministrazione di farmaci e liquidi a supporto delle funzioni vitali.

 

In alcune situazioni la fisiologia del paziente o la condizione patologica non rendono semplice l’incannulazione venosa periferica e, soprattutto in ambito extra ospedaliero, la situazione ambientale non consente il posizionamento di un accesso venoso centrale.

Esempi lampanti sono i pazienti pediatrici, i pazienti obesi e il paziente in stato di shock.

 

Le linee guida SIAARTI stabiliscono che dopo 2 tentativi di incannulazione venosa periferica o dopo 90 secondi, in un paziente che necessita di somministrazione urgente di farmaci o antidoti, deve essere utilizzato l’accesso intraosseo.

 

La semplicità e la rapidità di questo presidio rende mandatario il suo utilizzo in caso di necessità.

Per i professionisti sanitari l’accesso intraosseo fornisce una sicurezza a livello professionale e psicologico di enorme rilevanza.


La durata del corso completo è di 4 ore, di cui 1 di teoria e 3 di pratica.

Le sessioni pratiche sono atte a valutare le abilità dell’Allievo al fine di stabilire il livello di addestramento ricevuto come richiesto dal programma. L'Istruttore dovrà rivedere con l’Allievo ogni tecnica eseguita non correttamente fino al raggiungimento di un soddisfacente livello di abilità tecnico-pratica: è responsabilità dell’Istruttore assicurarsi che l’Allievo raggiunga la padronanza delle informazioni e delle tecniche prima della sua certificazione.


MODALITA’ DI VERIFICA: scritta (test a risposta multipla); pratica (verifica individuale circa modalità di svolgimento di ciascuna procedura e modalità d’uso del presidio Intraosseo).

La durata del corso FAD è di 20 ore.

  • COS'E' L'ACCESSO INTRAOSSEO;
  • CENNI STORICI;
  • ANATOMIA OSSEO ED INTRAOSSEA;
  • SITI DI INSERZIONE;
  • ACCESSI VASCOLARI IN EMERGENZA/URGENZA;
  • L'ACCESSO INTRAOSSEO SECONDO FLOW CHART DEL PROTOCOLLO ALS(ERC);
  • TIPOLOGIE DI DISPOSITIVI INTRAOSSEI;
  • TECNICA DI INSERIMENTO MECCANICO CON DISPOSITIVO EZ-IO;
  • CONTROINDICAZIONI E COMPLICANZE;
  • DOLORE ED ANALGESIA;

Il Rischio Clinico. Focus su Il controllo delle Infezioni Ospedaliere la Gestione delle Emergenze Cliniche e il nuovo modello di TRIAGE

 

Programma FAD con 50 ECM da svolgere On-line a domicilio:

 

RAZIONALE:Il corso ha come obiettivo di diffondere le raccomandazioni ministeriali e l’applicazione delle buone pratiche cliniche e costituisce il punto di riferimento per la segnalazione degli eventi sentinella e di tutte le situazioni che possono comportare rischi per i pazienti, i visitatori ed il personale. In particolare pone l’accento sul controllo delle infezioni ospedaliere e sulla gestione delle emergenze cliniche fornendo elementi che sarebbero spunto di riflessione per gestire al meglio sia i programmi di sorveglianza, prevenzione e controllo delle infezioni correlate all’assistenza; sia per definire ancor più il concetto di urgenza ed emergenza dove è indispensabile il concetto di esito che, in ambito sanitario, si riferisce alle «modificazioni delle condizioni di salute prodotte nei destinatari dagli interventi sanitari». Se l’esito in gioco è la sopravvivenza del paziente, quindi sono compromessi i parametri vitali, e se occorrono interventi immediati per garantirla, si parla di emergenza; quando, invece, occorre un intervento pronto, ma non immediato (dilazionabile nel tempo) si parla di urgenza.

 

PROGRAMMA:

 

CAPITOLO 1:

  • LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO E LE RACCOMANDAZIONI MINISTERIALI
    • Gestione del Rischio Clinico: inquadramento generale
    • Gestione del Rischio: dizionario minimo e concetti fondamentali;
    • Gestione del Rischio Clinico: dizionario minimo e concetti fondamentali;
    • Gestione del Rischio Clinico: Metodi di Identificazione
  • Sistemi Learning e sistemi Accountability
    • Briefing sulla Sicurezza
    • Safety Walkaround
    • Focus Group
    • Revisione delle Cartelle Cliniche
    • Screening

1.2 Gestione del Rischio Clinico: Metodi di Analisi

  • HFMEA/FMEA
  • RCA
  • Audit Clinico

Applicazione delle Raccomandazioni Ministeriali: Gestione dei Farmaci
Presentazione delle migliori “buone pratiche” nazionali e GAP Analysis

2 Gestione Sala Operatoria

  • Presentazione delle migliori “buone pratiche” nazionali e GAP Analysis.

3 Gestione attività di pronto soccorso e trasporto

  • Presentazione delle migliori “buone pratiche” nazionali e GAP Analysis

4 Gestione dei pazienti

  • Presentazione delle migliori “buone pratiche” nazionali e GAP Analysis

5 Gestione apparecchiature elettromedicali e Gestione Sangue

  • Presentazione delle migliori “buone pratiche” nazionali e GAP Analysis

 

CAPITOLO 2:

  • PREVENZIONE E GESTIONE DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE: PROCEDURE, LINEE GUIDA E PROTOCOLLI

 

INTRODUZIONE


MODULO 1

  • LE INFEZIONI OSPEDALIERE: DEFINIZIONE, CLASSIFICAZIONE E CAUSE
    • La Prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza
    • L’igiene delle mani
    • Multiresistenza agli antibiotici

 

MODULO 2

  • EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI - PREVEDIBILITÀ DELLE INFEZIONI
    • Infezioni urinarie associate a catetere
    • Infezioni da ventilazione assistita (il concetto di “bundle”)
    • Klebsielle Multiresistenti
    • Le infezioni da Virus Zyka
    • I Markers di sepsi: dalla PCR alla pro calcitonina

 

MODULO 3

  • IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI IN TERAPIA INTENSIVA
    • La polmonite nel paziente ventilato
    • Care bundle per la prevenzione delle VAP, CA-UTI, CR-BSI
    • Lo shock settico

CAPITOLO 3:


 

LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CLINICHE

 

MODULO 1:

  • IL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO

MODULO 2:

  • LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CLINICHE PER LE VIE RESPIRATORIE
    • Cenni di anatomia dell’apparato respiratorio
    • Approccio al paziente per la gestione delle vie respiratorie
    • Tracheotomia e tracheostomia

MODULO 3:

  • STABILIZZAZIONE DEL PAZIENTE IN STATO DI SHOCK

MODULO 4

  • LA GESTIONE DELLE EMERGENZE CLINICHE NEUROLOGICHE
    • Crisi epilettiche
    • Vertigini
    • Malattia cerebrovascolare
    • Intossicazione da farmaci o da alcool

 

PER TUTTE LE PROFESSIONI

 

PERIODO DI SVOLGIMENTO:
dal 30/01/2020 al 29/01/2021

  1. Rilascio di un codice per accedere ad un corso in e-lerning di 50 ECM;
  2. Attestato Accesso Intraosseo;

 

Sei un'azienda?

Ottieni l'accesso per te ed il tuo team ai nostri corsi migliori.